lunedý 20 aprile 2009

 Macroelemento o meccanismi di danno ad esso associato 
Navate laterali
 

Navate laterali

Risposta longitudinale

Volte delle navate laterali

 

Analisi della tipologia di danno rilevato per macroelementi e meccanismi di collasso


Questi due meccanismi hanno permesso ulteriormente di caratterizzare tipologicamente il campione delle chiese censite: la loro attivazione è, infatti, associabile ad una chiesa a più navate.

Per la risposta longitudinale si ha una presenza maggiore di possibile attivazione rispetto ai meccanismi connessi alle volte laterali, a conferma di un numero elevato di chiese a tre navate senza strutture voltate laterali.

Per i meccanismi connessi alle volte delle navate laterali si può notare, come la percentuale di danneggiamento (lieve-grave) sia superiore ai casi di danno nullo.

Anche in questo caso si ha la presenza di strutture realizzate in mattoni disposti in foglio; la tipologia ricorrente è a crociera o vela e in alcuni casi a cupola ribassata. Il quadro fessurativo è caratterizzato da lesioni negli archi e negli architravi e da fessure da taglio nelle volte, connesse all'oscillazione longitudinale della navata centrale.

(Fonte:  - BENI MONUMENTALI E TERREMOTO - Dall'emergenza alla ricostruzione)

 


Ponteweb consiglia


BENI MONUMENTALI E TERREMOTO

BENI MONUMENTALI E TERREMOTO

Dall'emergenza alla ricostruzione

Nella Pubblicazione viene illustrata una metodologia integrata per la salvaguardia dei Beni Monumentali dal rischio sismico, basata su un percorso che va all'emergenza fino alla ricostruzione.

Dopo la crisi sismica del 2002 la metodologia è stata applicata per il rilievo dei danni e della vulnerabilità sismica, ed è stata utilizzata anche per la programmazione e la progettazione degli interventi.

Lo studio della vulnerabilità degli edifici di culto, effettuato dal CNR-DAST.UOIG, ha permesso di avere indicazioni sulle caratteristiche costruttive dei corpi di fabbrica e di individuare una serie di interventi per il miglioramento sismico da eseguire sugli edifici danneggiati.

Il confronto con i tecnici e con gli operatori del settore ha consentito di stabilire un collegamento tra i risultati della ricerca e l'esecuzione degli interventi in modo da indirizzare la progettazione verso interventi compatibili con l'esigenza di conservazione dei beni monumentali, ma strutturalmente efficaci.

I CONTENUTI:
• Il rilievo del danno al patrimonio monumentale in emergenza
• Il problema della messa in sicurezza di Beni Monumentali
• Il rilievo del danno e della vulnerabilità sismica degli edifici di culto nei Comuni colpiti dal sisma del 31 ottobre 2002
• Linee guida per gli interventi di riparazione del danno e miglioramento sismico per gli edifici di culto e monumentali - Edifici di culto - parte prima
• Linee guida per gli interventi di riparazione del danno e miglioramento sismico per gli edifici di culto e monumentali - Edifici di culto - parte seconda - progetti esecutivi
• Il Piano straordinario degli interventi 2003
• La pericolosità sismica locale: geomorfologia dei siti di ubicazione delle chiese e procedure speditive di valutazione dei possibili effetti locali.

Il CD Rom allegato al volume, oltre all'intera pubblicazione, contiene:
un esempio di verifica strutturale per meccanismi locali secondo la nuova normativa sismica;
un abaco degli interventi proposti in letteratura per il consolidamento delle strutture murarie;
esempi di schede chiese di II livello per la valutazione del danno e della vulnerabilità;
le chiese del piano straordinario 2003 della Regione Molise;
la scheda per il rilievo del danno agli edifici monumentali in emergenza

Autore:  G. Cifani - A. Lemme - S. Podestà
Prezzo: € 29,00 
Acquisto on-line: € 24,65
ISBN: 884961581
Edizione: 1 / 2005
Pagine: 304

 

 

 

 

 
< Prec.   Pros. >