martedý 21 aprile 2009
ANALISI DELLE FORME DI ALTERAZIONE E
MANIFESTAZIONI DI DEGRADO
Alveolizzazione pietra
  
Alternative lessicali utilizzabili
Cariatura
  
Materiale interessatoPanchina livornese
  
Localizzazione
Si presenta in modo diffuso sulla cortina muraria
  
Caratteristiche ambientaliAmbiente esterno esposto all'azione diretta dei fattori meteorologici e climatici
  
Descrizione fenomenoDegradazione che si manifesta con la formazione di cavità di forme e dimensioni variabili. Gli alveoli sono spesso interconnessi e hanno distribuzione uniforme. Nel caso particolare in cui il fenomeno si sviluppa essenzialmente in profondità con andamento a diverticoli si può usare il termine alveolizzazione a cariatura.
  
Cause
·    Composizione chimica-mineralogica del litoide;
·    struttura dei vuoti (caratteristica dei pori, fratture ecc.);
·    cristallizzazione dei sali solubili (formazione sub-florescenze);
·    cicli di gelo-disgelo;
·    azione eoliche (forte turbolenza d'aria in contatto con la superficie lapidea);
·    infiltrazioni di acqua in microfessure del supporto (acqua meteorica battente o di ruscellamento più o meno acida ecc.);
·    migrazioni di acqua/umidità nel supporto (umidità di condensazione, umidità di risalita capillare dal terreno, umidità accidentale causata da fuoriuscite da gronde e pluviali difettosi ecc.);
·    cristallizzazione dei sali solubili (formazione sub-florescenze).
Meccanismo di degrado:
·    azione fisica.
  
Descrizione sintetica della procedura di intervento ·    Analisi della dimensione e della profondità degli alveoli;
·    pulitura a secco tramite impiego di pennelli e/o spazzole a setole morbide, spugne e aspiratori a bassa pressione al fine di rimuovere i depositi superficiali;
·    estrazione dei sali solubili mediante impacchi di polpa di carta e acqua deionizzata;
·    consolidamento-protezione (previa campionatura preliminare) da eseguirsi mediante impregnazione con composti organici tipo resine acril-siliconiche.
In alternativa, per elementi privi di decorazione e in avanzato stato di degrado:
·    sostituzione dei conci lapidei e successiva stesura di protettivo.
  
Note e riferimenti bibliografici
Tale patologia di degrado è riscontrabile frequentemente nei materiali fittili ad impasto particolarmente poroso e nei materiali calcarei di minore resistenza meccanica (calcareniti) maggiormente esposti agli agenti atmosferici ed al dilavamento. Questa patologia di degrado si può manifestare fortemente differenziata (disgregazione selettiva) in ragione alle variazioni locali della struttura della pietra. I materiali interessati a questa patologia di degrado sono quelli lapidei naturali (tufi e calcareniti in primis) ed i laterizi.

 

(Tratto da: IL DEGRADO DEI MATERIALI NELL'EDILIZIA - Cause e valutazione delle patologie - DEI Tipografia del Genio civile - Riproduzione riservata)

 


Ponteweb consiglia


 

IL DEGRADO DEI MATERIALI NELL'EDILIZIA Cause e valutazione delle patologie

IL DEGRADO DEI MATERIALI NELL'EDILIZIA

Cause e valutazione delle patologie

Autore: S. Franceschi - L. Germani  
Prezzo:  € 39,0 
Acquisto on-line: € 33,15
ISBN: 884961821
Edizione: 1 / 2007
Pagine: 200

 

 

 
< Prec.   Pros. >