martedý 21 aprile 2009
ANALISI DELLE FORME DI ALTERAZIONE E
MANIFESTAZIONI DI DEGRADO
Concrezione
  
Alternative lessicali utilizzabili
Stalattite, stalagmite, ricarbonatazione
  
Materiale interessatoMateriale lapideo naturale: marmo
  
Localizzazione
Si presenta in modo circoscritto sull'elemento
  
Caratteristiche ambientaliAmbiente esterno esposto all'azione diretta dei fattori meteorologici e climatici e al ruscellamento di acqua
  
Descrizione fenomenoDeposito compatto generalmente formato da elementi di estensione limitata, sviluppato preferenzialmente in una sola direzione, non coincidente con la superficie lapidea. Talora può assumere forma stalattitica o stalagmitica.
  
Cause
·    Composizione chimica-mineralogica del materiale;
·    struttura dei vuoti (caratteristica dei pori, fratture ecc.);
·    infiltrazioni di acqua in microfessure del supporto (acqua meteorica battente o di ruscellamento più o meno acida ecc.);
·    conformazione geometrica elemento in marmo.
Meccanismo di degrado:
·    azione chimica: carbonatazione/dissoluzione.
  
Descrizione sintetica della procedura di intervento  Alternative possibili:
·    microsabbiatura di precisione a bassa pressione a secco o ad umido previa esecuzione di saggi al fine di calibrare lo strumento;
·    asportazione mediante microfrese, micromole in gomma abrasiva, microscalpelli, vibroincisori ecc.;
·    pulitura con sistema jos;
·    pulitura con sistema ad ultrasuoni;
·    stesura di consolidamento-protettivo al fine di preservare la parte dall'azione delle acque.
  
Note e riferimenti bibliografici
Questa degradazione si riscontra su materiali lapidei naturali come calcari, arenarie, travertino in presenza di permanenze umide prorogate nel tempo in ambiente protetto con migrazione, deposito e mineralizzazione di sali (si veda colaticcio). La concrezione si può manifestare anche come un velo opacizzante coerente causato dalla ricarbonatazione del carbonato di calcio (calcite secondaria) andato in soluzione. Di norma le concrezioni si presentano per lo più di colore bianco (o tendenti al ruggine nel caso di presenza di ferro) ma, nel caso di pietre molto porose, dove è difficile che si presentino tali colorazioni, il fenomeno è visibile soprattutto sotto forma di depositi scuri.

 

(Tratto da: IL DEGRADO DEI MATERIALI NELL'EDILIZIA - Cause e valutazione delle patologie - DEI Tipografia del Genio civile - Riproduzione riservata)

 


Ponteweb consiglia


 

IL DEGRADO DEI MATERIALI NELL'EDILIZIA Cause e valutazione delle patologie

IL DEGRADO DEI MATERIALI NELL'EDILIZIA

Cause e valutazione delle patologie

Autore: S. Franceschi - L. Germani  
Prezzo:  € 39,0 
Acquisto on-line: € 33,15
ISBN: 884961821
Edizione: 1 / 2007
Pagine: 200

 

 

 
< Prec.   Pros. >