TemparioUn Tempario per il Progettista

Come ottimizzare le attività Progettazione

di Roberto D’Aprile

Una pratica scheda tecnica su come utilizzare un Tempario per organizzare e gestire al meglio le attività di uno studio di progettazione.

COS’È IL TEMPARIO?*

Uno strumento di lavoro per la progettazione.

 

A CHE SERVE?

Prima della stesura materiale del progetto permette di:

• preparare offerte economiche

• predisporre preventivi di progettazione

• denominare ordinatamente gli elaborati progettuali

• assegnare agli elaborati un codice identificativo

• valutare l’impegno per la produzione degli elaborati

• valutare il costo per la produzione degli elaborati.

 

LA PREPARAZIONE DELLE OFFERTE

L’Architetto Rossi è stato invitato a presentare un’offerta per il progetto esecutivo di un fabbricato uffici ed è alquanto preoccupato visto che, per la multidisciplinarietà del progetto, deve formulare ipotesi su costi riguardanti discipline esterne alla proprie conoscenze, cioè le strutture in c.a., gli impianti, idraulici, termici, elettrici etc. e non riesce a coinvolgere i relativi consulenti esterni. Ci vorrebbe inoltre troppo tempo per spiegare a tutti il progetto ed acquisire risposte su numero, tipo e costi degli elaborati progettuali da produrre.

 

Gli viene in aiuto allora il Tempario.

Apre il relativo file a video, entra nella Sezione 15 – OPERE CIVILI, poi in quella 15.01 – FABBRICATI, quindi in quella 15. 01. 01 – ARCHITETTURA e lì trova un elenco di elaborati che fanno al caso suo, comincia così a sceglierli marcando a video con un asterisco quelli che ritiene necessario produrre, leggendo il corrispondente impegno previsto per la redazione.

Al termine della selezione egli ha individuato i seguenti elaborati:

Abaco infissi esterni

n. 2 unità n. 2 × 40 = 80 hu

Capitolato Speciale Lavori

n. 1 unità n. 1 × 120 = 120 hu

Particolare Esecutivo

n. 4 unità n. 4 × 40 = 160 hu

Pianta parcheggi

n. 1 unità n. 1 × 25 = 25 hu

Pianta Piano-tipo

n. 2 unità n. 2 × 35 = 70 hu

Pianta copertura

n. 1 unità n. 1 × 20 = 20 hu

 a questi aggiunge, poi, quelli proposti dal Tempario nella Sezione 15.01.06 – IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, cioè:

Layout piano-tipo

n. 2 unità n. 2 × 20 = 40 hu

Pianta Centrale Termica

n. 1 unità n. 1 × 25 = 25 hu

Relazione di calcolo termotecnico

n. 1 unità n. 1 × 60 = 60 hu

 

ed inoltre quelli proposti dal Tempario nella Sezione 15.01.07 – IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE E FORZA MOTRICE, cioè:

Schema elettrico

n. 3 unità n. 3 × 40 = 120 hu

Capitolato speciale lavori

n. 1 unità n. 1 × 50 = 50 hu.

 

Al termine delle sue riflessioni decide di includere anche il Piano della Sicurezza lavori, che il Tempario riporta nella Sezione 15.01.01, di cui si era completamente dimenticato, cosicché considera anche il

Piano della Sicurezza

n. 1 unità n. 1 × 120 = 120 hu

e si accorge anche di dover produrre un altro elaborato obbligatorio per il Progetto Esecutivo, previsto nel Tempario, il

Piano di Manutenzione

n. 1 unità n. 1 × 80 = 80 hu.

Terminata la marcatura a video e l’individuazione del numero di unità per ciascun tipo di elaborato l’Architetto Rossi legge a video il risultato del calcolo automatico che fornisce il totale impegno in hu per la progettazione, che è pari a 970 hu, e legge anche il costo della progettazione che ammonta a euro 14.550,00.

Predispone quindi l’offerta maggiorando il costo della progettazione così ottenuto di un margine di guadagno e la spedisce tempestivamente al committente. È riuscito a preparare l’offerta da solo e in un tempo brevissimo!

 

I COSTI DI PROGETTAZIONE PIÙ REALISTICI

Alcuni giorni dopo l’invio dell’offerta l’Architetto Rossi è tormentato dal dubbio di aver comunicato un prezzo non perfettamente congruo, forse troppo basso o forse eccessivo.

 Torna così torna a consultare il Tempario ponendosi la seguente domanda: “ma gli impegni standard previsti sul Tempario hanno valori aderenti al caso che mi interessa?”

Decide così di andarli a verificare uno per uno, accorgendosi mentre li osserva a video che possono facilmente essere modificati.

Decide allora di personalizzarli variando il valore previsto di hu (hu) per le varie sezioni nel modo seguente:

 15.01.01 – ARCHITETTURA

Abaco infissi esterni

da 40 hu

a 45 hu

Capitolato SpecialeLavori

da120 hu

a 100 hu

Particolare Esecutivo

da 40 hu

a 30 hu

Pianta parcheggi

da 25 hu

a 20 hu

Pianta Piano-tipo

da 35 hu

a 40 hu

Pianta copertura

da 20 hu

a 10 hu

15.01.06 – IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

Layout piano-tipo

da 20 hu

a 25 hu

Pianta Centrale Termica

da 25 hu

a 30 hu

Relazione di calcolo termotecnico

da 60 hu

a 45 hu

SEZ. IMPIANTO ELETTRICO

Schema elettrico

da 40 hu

a 25 hu

Capitolato Speciale Lavori

da 50 hu

a 60 hu.

In questo modo l’Architetto Rossi giunge ad un impegno totale di 880 hu e ad un costo di 13.200,00 euro, valori più precisi nel caso di suo interesse.

 

IL GUADAGNO NELLA PROGETTAZIONE

L’Architetto Rossi ha capito le potenzialità del Tempario e decide di controllare il sistema di calcolo del costo complessivo.

Scopre così che questo valore risulta dal prodotto delle hu complessive per il costo orario di progettazione, assunto nel Tempario pari a 15,00 euro/ora.

Questo valore gli pare basso in relazione ai costi correnti di progettazione e così decide di modificarlo portandolo a 17,50 euro/ora.

Con questa variazione legge automaticamente a video il nuovo valore per il costo della progettazione, pari a 15.400,00 euro, valore che gli permette di valutare meglio il margine di utile che potrà conseguire nella progettazione.

 

* Tratto da Tempario degli Elaborati di Progetto Dei Tipografia del Genio Civile.


Acquista on line

 
Pros. >